#MeToo Project – Capitolo 01

Come quella volta che per tornare a casa ho fatto il giro di tutto il centro, entrando e uscendo dai negozi. Come quella volta in piscina, ero piccola, quando un tizio voleva prendermi sulle ginocchia al bar. Ma chi ti conosce? Come quelle mille volte in cui sei alla fermata e ti si accosta il…

Continua a leggere

Bullismo: Anni 2001-2004

Ho un chiaro ricordo della me 11enne. Mi ricordo grassa, con i capelli unti, priva di qualsiasi voglia di vivere. Questo è quello che ricordo. Ma non è la verità. Ho trovato una foto di me a quell’età. Non ero grassa, non avevo i capelli unti e avevo voglia di fare e di vivere. Ero…

Continua a leggere

#49libri: Caro Sindaco, ho dei libri per lei

Buona domenica caro sindaco di Venezia. Sa che adoro la sua città? L’ho sempre trovata affascinante, non solo perché è praticamente unica, ma perché la sua storia la rende un faro per tutto ciò che è multiculturale. Venezia si è formata con il commercio fra popoli di origini diverse (anche se siamo tutti appartenenti ad…

Continua a leggere

21 Novembre – La Giornata dell’Albero

Mi è stato fatto notare che oggi è la Giornata dell’Albero. Me lo ha fatto notare una ragazza su FB… lei nemmeno lo sa. E’ inutile che dica quanto gli alberi sono importanti per noi umani, sarebbe come dire che se bevi l’acqua mentre stai facendo il sub poi anneghi (o comunque non dopo non…

Continua a leggere

μελαγχολία – melanconia – deprimere – depressione

  Ho deciso che smetterò di dire alle persone, vicine e  non, che sono depressa. La maggior parte risponde “Normale, sei a dieta.” No, non è per la dieta. Cioè, anche per la dieta ma quello è un fattore secondario. I veri motivi sono altri e più seri (li condivido, se vogliamo, come metà del…

Continua a leggere

Piccola lista delle cose insopportabili che la gente tende a fare (e dire)

1) Ti conosco da 5 minuti e già mi prendo il diritto di dirti che tipo di persona sei. 2) Conosco (seppur in parte) i tuoi problemi e nonostante questo continuo a criticare carattere/regime alimentare/il fatto che non hai un ragazzo. 3) Sono le 7.45 del mattimo, stai dormendo e io ti sveglio parlando a…

Continua a leggere

Sono ancora viva

Ebbene si, non sono sparita del tutto. Solo che in questo periodo trovo difficile fermarmi per raccontare cosa mi passa per la testa. Forse perchè invece che scrivere, preferirei parlare e parlare ancora (c’è chi dice che sono logorroica manonèvero!!). Ad ogni modo, qui tutto cambia e resta uguale. Italian style potremmo dire. Non vedo…

Continua a leggere

La vita deve andare avanti

Poche ore dopo il mio ultimo post, la mia nonnina ha cessato di soffrire. Si è semplicemente “spenta”. Come un computer che non ce la fa più. Ed io sono felice per lei, perché so che non ha sofferto poi così tanto, se non nelle sue ultime 12 ore di vita. Come sempre, quando una…

Continua a leggere

Sfogo – Lesson number 1

E poi una mattina ti rendi conto di quanto la vita si un gioco. Guardi le persone che ami soffrire, e ti chiedi perché non ti è concesso un “aiuto” per salvarle. Una specie di “vita bonus” da donare per far cessare il dolore, per rimetterle in piedi. Hai vent’anni ma ti senti un poppante.…

Continua a leggere