Il lago – Yasunari Kawabata

Ginpei aveva inseguito quella donna perché qualcosa in lei l’aveva indotto a farlo. Era un’abitante del suo stesso mondo magico. Ginpei con la sua esperienza l’aveva intuito. Nel momento in cui ebbe la certezza che Miyako Mizuki apparteneva alla sua stessa specie, provò una sorta di estasi e gli dispiacque di non aver annotato il…

Continua a leggere

Io Sono Un Gatto – Natsume Soseki

“Uhm… e chi erano queste donne?” si informa il mio padrone con una punta d’invidia. Ha sempre un’aria apatica e disinteressata, ma non è certo indifferente alle signore. Una volta, in un libro straniero ho letto di un tale che si innamorava della maggior parte delle donne che incontrava. L’autore diceva per scherzo che su…

Continua a leggere

Lucertola – Banana Yoshimoto

Quel giorno ero così mal ridotto per i postumi di una sbornia, che non riuscii a combinare niente per tutto il pomeriggio. Io mi guadagnavo da vivere scrivendo. In realtà anche quella volta avevo un lavoro da finire con urgenza: scrivere il testo per un libro di foto, ma la testa mi faceva così male…

Continua a leggere

Tsugumi – Banana Yoshimoto

Che strano: quando sono rivolta verso il mare in compagnia di qualcuno, chissà perché, ma va a finire che non m’importa se si parla o se si tace, mi vanno bene entrambe le cose. Non mi stanco mai di osservarlo, e anche quando è in burrasca, non c’è pericolo che il rumore dei suoi cavalloni…

Continua a leggere

Un Viaggio Chiamato Vita – Banana Yoshimoto

Il clima secco dell’Egitto è l’ideale per asciugare per bene il cuore molle di un giapponese. Se lo si visita quando si è stanchi, aiuta a sentirsi meglio. Ho la sensazione che i raggi di quel sole possiedano una grande forza, tale da penetrare nel cuore delle persone, in qualsiasi condizione queste si trovino. E’…

Continua a leggere

Sonno Profondo – Banana Yoshimoto

“Ma no,  tutto come al solito. Non c’è niente. E’ solo che…” Trasalii accorgendomi di quello che stavo per dire. Ero stata a un passo dal dire una cosa molto grave. Mi sono stancate di aspettare, stavo per dire. “E’ solo che?” “Che abbiammo avuto un litigio, niente di importante, perché io avevo inventato una…

Continua a leggere

Presagio Triste – Banana Yoshimoto

Nell’istante in cui Tetsuo uscì dalla mia stanza, chiudendo la porta con un bang, come una reazione chimica l’ansia cominciò a sorgere dentro di me. Avrei voluto alzarmi, seguirlo, andare nella sua stanza a parlargli. Ma non lo feci. Restai seduta, e tornai a guardare il cielo notturno. Poi, la sera del giorno dopo, sotto…

Continua a leggere

Tokio Decadence – Ryu Murakami

Quando mi è passato accanto sono quasi caduta a terra, mi sentivo come se uno dei miei organi interni fosse sul punto di esplodere. Ero tornata a essere preda del pensiero di quell’uomo, che ammiravo fin da quando ero alle medie, mentre passeggiavo nella zona di Aoyama facendo shopping per distrarmi un po’: ero giù…

Continua a leggere

Nel Segno della Pecora – Murakami Haruki

“La margarina fa bene alla salute. E’ un grasso vegetale che non contiene colesterolo, previene un sacco di malattie senili, e di recente anche il gusto è migliorato. Costa poco, e si conserva a lungo” “Allora perché non la usi?” Mi lasciai sprofondare nel divano e mi stirai lentamente. “Ma che importanza ha?” dissi “Che…

Continua a leggere

Dance Dance Dance – Murakami Haruki

Mi accade spesso di sognare l’Albergo del Delfino. Dal sogno si direbbe che ne faccio parte in modo stabile. La forma dell’albergo appare distorta. E’ molto lungo e stretto. Tanto lungo e stretto da sembrare, più che un albergo, un lungo ponte coperto da un tetto. Un ponte che si estende, in tutta la sua…

Continua a leggere