#Writing101 Hook ‘em with a quote

Dio è morto, ma l’Ironia sta benissimo e se la spassa come non mai. {Glen Duncan} Questo è diventato un po’ il mio motto da quando lessi “L’ultimo lupo mannaro”. Trovo che lo scrittore abbia messo in bocca a Jacob, il protagonista, la verità assoluta. Il mondo è pieno di ironia, qualche volta black qualche…

Continua a leggere

L’Alba di Talulla – Glen Duncan (2 – fine)

Zoe e Lorcan batterono le ciglia all’unisono, nell’oscurità.  Li guardai. Gioia. La gioia è circolare. La gioia viene prima. Poi l’incredulità che dice che stai sognando. Poi la pausa mentale  o il passo indietro per dare all’universo la possibilità di svegliarti. Poi il ritorno, per vedere se la gioia c’è ancora – e la gioia c’è ancora, demente e reale e immeritata e assolutamente tua.

pag. 523

Duncan_Talullah1

L’Alba di Talulla – Glen Duncan

Infili gli artigli nella carne umana terrorizzata, ci trovi dentro il cuore che sembra seta e il fegato che sembra gomma, e scopri che tutte le parti che si nascondono dentro il corpo ubbidiscono alle leggi della tua violenza.Spezzi ossa e tracanni sangue. Prendi una vita e il furto resta impunito. Dio non ti fulmina. Il cielo non cade. Il giorno dopo, apri il rubinetto e l’acqua scende, come ha sempre fatto. Le musichette delle pubblicità ti rimangono ancora in testa. Non cambia la soddisfazione che provi quando alzi un braccio e un taxi si materializza nel traffico e come per magia ti viene incontro. Fai cose che dovrebbero portarti alla tua fine e invece portano solo cambiamento. Una delusione e una rivelazione e un lutto e una nudità nuova, elettrizzante. L’infamia più essenziale, pi prosaica: vai avanti.

pag. 247

9780307742186_custom-a1090dd4a842a1ee67cd28dfaabb481d806591b8-s6-c30

TITOLO: L’Alba di Talulla

AUTORE: Glen Duncan

EDITORE: ISBN

TRADUTTORE: Tomaso Biancardi

PAGINE: 537

COSTO: 16,90 euro

COSTO Ebook: 9,99 euro

Tra le nevi dell’Alaska, Talulla Demetriou aspetta come ogni mese la Trasformazione. Lupo mannaro, incinta, in un mondo dominato dai vampiri. Al sorgere della luna piena accade tutto in un attimo: il dolore, il parto, un vetro che si infrange. I suoi nemici storici sono arrivati per sottrarle l’unica cosa che ancora la tiene aggrappata alla vita. Inizia così un inseguimento planetario tra l’Inghilterra, l’Italia e Creta, che porterà Talulla al cospetto del più antico vampiro vivente. Una corsa contro il tempo, insieme a un branco di inattesi alleati, per compiere la sua missione. Con la stessa prosa splendente dell’Ultimo lupo mannaro, Glen Duncan ci regala un nuovo capitolo della sua trilogia, ricco di humour nero e colpi di scena. Un potente meccanismo narrativo in cui si fondono horror e azione, scenari stupendi, e una protagonista mostruosamente sexy e indimenticabile.

Glen Duncan è nato a Bolton, in Inghilterra, nel 1965 e ha studiato filosofia e letteratura alla Lancaster University. Il suo primo libro, Hope, è stato pubblicato nel 1997, seguito da numerosi altri romanzi, tra cui 666. Io sono il diavolo e Morte di un uomo qualunque. Vive a Londra. Dopo L’ultimo lupo mannaro, pubblicato da Isbn nel 2011, L’alba di Talulla è il secondo libro di una trilogia.

(ISBN)

L’ultimo Lupo Mannaro – Glen Duncan (3 – fine)

So che è difficile crederlo, ma tutto quello che sto cercando di fare è restare vivo fino alla prossima luna piena così che il figlio di un uomo che ho ucciso e mangiato quarant’anni fa possa tagliarmi la testa di lupo mannaro o piantarmi una pallottola d’argento nel cuore di lupo mannaro. pag. 227 […]…

Continua a leggere

L’Ultimo Lupo Mannaro – Glen Duncan (2)

Ti chiudi dentro, prendi le droghe, arrivi ai confini della morte, ne esci. Sei ancora vivo e non hai ucciso nessuno. Sì, è vero. Però. Le pareti spoglie, le sbarre, il pavimento lastricato in pietra, la cassaforte solida, frivola e fiduciosa. Anche sottoterra la luna piena che sorge come Maria Vergine su un letto che…

Continua a leggere

L’Ultimo Lupo Mannaro – Glen Duncan

“Dovremmo viaggiare separati” dissi senza troppa convinzione. “Non dire sciocchezze.” “Non ti hanno ancora individuata. Se arrivano a te per colpa…” “Quei giorni sono finiti. Adesso siamo io e te, insieme. E basta.” Per quanto ridicolo possa sembrare, so già che non arriverà mai il momento in cui accarezzarla non funzionerà più come palliativo contro…

Continua a leggere