Lucertola – Banana Yoshimoto

Quel giorno ero così mal ridotto per i postumi di una sbornia, che non riuscii a combinare niente per tutto il pomeriggio. Io mi guadagnavo da vivere scrivendo. In realtà anche quella volta avevo un lavoro da finire con urgenza: scrivere il testo per un libro di foto, ma la testa mi faceva così male…

Continua a leggere

Tsugumi – Banana Yoshimoto

Che strano: quando sono rivolta verso il mare in compagnia di qualcuno, chissà perché, ma va a finire che non m’importa se si parla o se si tace, mi vanno bene entrambe le cose. Non mi stanco mai di osservarlo, e anche quando è in burrasca, non c’è pericolo che il rumore dei suoi cavalloni…

Continua a leggere

Un Viaggio Chiamato Vita – Banana Yoshimoto

Il clima secco dell’Egitto è l’ideale per asciugare per bene il cuore molle di un giapponese. Se lo si visita quando si è stanchi, aiuta a sentirsi meglio. Ho la sensazione che i raggi di quel sole possiedano una grande forza, tale da penetrare nel cuore delle persone, in qualsiasi condizione queste si trovino. E’…

Continua a leggere

Sonno Profondo – Banana Yoshimoto

“Ma no,  tutto come al solito. Non c’è niente. E’ solo che…” Trasalii accorgendomi di quello che stavo per dire. Ero stata a un passo dal dire una cosa molto grave. Mi sono stancate di aspettare, stavo per dire. “E’ solo che?” “Che abbiammo avuto un litigio, niente di importante, perché io avevo inventato una…

Continua a leggere

Presagio Triste – Banana Yoshimoto

Nell’istante in cui Tetsuo uscì dalla mia stanza, chiudendo la porta con un bang, come una reazione chimica l’ansia cominciò a sorgere dentro di me. Avrei voluto alzarmi, seguirlo, andare nella sua stanza a parlargli. Ma non lo feci. Restai seduta, e tornai a guardare il cielo notturno. Poi, la sera del giorno dopo, sotto…

Continua a leggere