Cose che passano

Come la voglia di scrivere o leggere. Buffo, perché ho due scatole ed in entrambe ci sono libri.

Tornando alle cose che passano, aggiungo anche “tempo”. Già perché i giorni, settimane e mesi sono passati e io sono già a metà Ottobre. Quasi non mi sembra vero che fra meno di un mese tornerò in Italia.

Comunque, dicevo, il tempo passa e i giorni si sprecano quasi tutti alla stessa maniera. Una monotonia che farebbe diventare un ghiro chiunque. Aggiungiamo la tosse come “scusa” per non uscire e siamo a cavallo. Alla fine niente tatuaggio “scozzese”, lo farò in Italia insieme ad un altro che avevo già pianificato da un po’.

Ma la domanda è, come le fai passare le giornate che non finiscono mai?

Non è facile. Soprattutto se non hai voglia di fare niente di costruttivo (vedi prima riga).

Prendiamo come esempio la giornata di oggi: ho provato a leggere ma ho mollato la primo rigo, ho ripiegato su Supernatural ma dopo due episodi ho spento tutto, ho provato a stare semplicemente sdraiata a letto e mi è entrato mal di testa. Insomma, niente.

Poi un’illuminazione: scrivere. Cioè, almeno provarci. Sì ma come? Cioè, non è che uno può alzarsi dal letto e semplicemente mettersi a scrivere, non funziona proprio così nella vita reale.

Però, mi sono detta, ho sempre il blog. Povero bambino maltrattato dalla madre. Un po’ come Crowley con Rowena. 

tumblr_o1bqjlutej1qma04ro1_500

NO FRAN CATTIVA SMETTILA DI PENSARE A SUPERNATURAL.

Torniamo a noi, se possibile. Posso cercare di riassumere in breve l’ultimo mese ma sarà un riassunto molto breve.

Altre due ragazze sono arrivate al B&B (oltre a me e C.) ma una di loro, che per comodità chiamerò Francia, è già tornata a casa. Quando ha detto che se ne andava sono rimasta un po’ allibita perché… voleva dire che era già passato quasi un mese… e io lo stavo realizzando solo in quel momento. Ad ogni modo, Francia resterà nella mia memoria come la ragazza più rilassata che abbia mai incontrato, metteva una tranquillità allucinante. Poco prima che lei se ne andasse è arrivata Rossa, italiana come me. Come ha osservato una volta la nostra host “Il b&b sta diventando sempre più un convento” visto che eravamo 5 donne a vivere tutte insieme.

Sono riuscita a vedere un po’ di Scozia, anche se non tutto quello che volevo vedere, ma tanto tornerò l’anno prossimo quindi non perdo le speranze.

Non esco molto, l’ultima escursione risale a sabato: sono stata la cinema a vedere “King Lear” interpretato da Sir Ian McKellen e prima di quello giovedì sono andata dall’altra parte del Loch per vedere Boleskine House, la casa appartenuta (fra gli altri) ad Aleister Crowley. Purtroppo l’accesso alla casa è chiuso da ogni lato e non c’è modo di avvicinarsi. Però mi sono fatta una bella passeggiata, ho avuto fortuna con il tempo, niente pioggia!

img_20181014_140349_388
Foto scattata a circa un’ora a mezza di cammino da Boleskine House

NDA: ho appena passato 10 minuti a cercare una gif su Crowley e Rowena, sto male, mandate aiuto!

Ad ogni modo, non ho ancora pianificato la mia visita in Islanda. La guida giace abbandonata accanto al mio letto. Non so nemmeno se pianificare sia una cosa giusta. Tanto già lo so che non mi atterrò a quello che mi proporrò di fare, quindi perché provarci? Se fare fosse facile quanto saper cosa fare…

Per adesso ho solo una certezza: il libro che ho comprato (The End of Mr. Y) è anche troppo bello, non ricordo l’ultima volta che mi sono immedesimata così tanto in un protagonista. Mandate aiuto 2.0!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...