Anne, il Diario e l’importanza delle copertine

Ciao Anne, è da tanto che no ci vediamo. Credo sia dalla terza media. La professoressa voleva che leggessi il tuo diario. Non l’ho mai fatto, è ancora lì sulla mensola, chiuso e con uno strato imbarazzante di polvere.

Mi dispiace Anne, ma ho preferito guardare il film. Guardare un film è più facile che leggere un libro, ci si sente meno in colpa a stoppare una pellicola di quanto invece non ci si senta quando si smette di leggere un libro. Almeno questo vale per me.

Il “Diario” di Anne Frank viene riproposto ogni anni nelle classi, nelle biblioteche e nelle librerie in occasione del Giorno della Memoria. Insieme a molti altri libri, ovviamente.

Credo, nel corso degli anni, di aver letto solo un libro (per intero) che parlasse della Shoah. Era uno di quei libri didattici che ti danno a scuola, di quelli con gli esercizi a fine capitolo. Purtroppo non ricordo il nome.

Ad ogni modo, ho notato che quest’anno alcuni libri hanno avuto un cambio di copertina. O meglio, gli hanno rifatto il look. Alcuni hanno copertine più cupe, altri hanno copertine che si rifanno ai film che sono usciti in seguito. Ma la copertina più bella, o almeno quella che mi ha colpito di più, è quella del “Diario”.

download
Diario – Anne Frank – Graphic Novel a cura di Ari Folman e David Polonsky

Incuriosita, sono andata ad aprire il link della Mondadori per scoprire che il famoso libro ora è diventato una graphic novel. Io sono una persona all’antica, ci sono libri che non secondo me non hanno bisogno di altre versioni.

Alcuni libri, non tutti.

Ci sono cose che non si possono immaginare semplicemente leggendole, qualche volta serve un aiuto visivo. Credo che proprio a questo serva la graphic novel del “Diario” a cura di Ari Folman e David Polonsky.

In tutta onestà devo ammettere che non ho ancora avuto modo di sfogliare il volume, ma sono molto curiosa. Solitamente non presto molta attenzione alle copertine, ho preso delle sole incredibili basandomi solo su quelle (LO SO, non dite niente).

Ma sono fiduciosa, perché la storia che tutti conoscono adesso è alla portata anche di persone come me che non sono mai riuscite a leggere il Diario per paura di stare male.

Il Diario adesso lo possiamo vivere attraverso Anne e con Anne, il che è meraviglioso e malinconico al contempo.

Tornando alla copertina, non notate anche voi una somiglianza con alcune anime giapponesi? Una cosa curiosa, ma che attira l’attenzione su una storia che tutti diamo per scontata ma che, in un’epoca di persone che parlano di “razze” e dividono la gente in “noi e loro” così tanto scontata non lo è.

Ma non voglio fare discorso troppo complicati, non è questo il luogo adatto.

Vorrei solo invitare chi vorrà a leggere questo libro. Per tornare adolescenti e provare ad immaginare cosa potesse essere vivere una parte così delicata della propria vita chiusi dentro ad una soffitta sovraffollata, sapendo di avere il mostro alla porta e chiedendosi quando si deciderà a buttarla giù.

STAMPAOPEZZO_20170118172334574-kmkH-U1100751126710vkD-1024x576@LaStampa.it

Dettagli del Libro

TITOLO: Anne Frank. Diario

AUTORI: Ari Folman & David Polonsky

TRADUTTORI: Laura Pignatti & Elisabetta Spediacci

EDITORE: Einaudi

PAGINE: 149

COSTO: 15,00€

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...