Melmoth l’Errante – Charles Robert Maturin

Mi fidavo di più adesso, che aveva ripreso il so naturale tono feroce e minaccioso, di quando aveva cercato di nasconderlo. Le sue parole, tra la protesta e l’invettiva, mostravano così tanta abilità, audacia e competenza che iniziai e nutrire una specie di dubbioso senso di sicurezza. Del resto capivo che c’era un essere umano in grado di liberarmi, questi era lui. Non aveva né paura né coscienza. Quando accennò all’uccisione di suo padre, lo fece per impressionarmi con il suo coraggio. Lo visi dall’espressione della faccia, perché avevo involontariamente alzato lo sguardo. I suoi occhi non avevano il vuoto del rimorso né la confusione della paura: scintillavano davanti a me fieri, insolenti e lucidi.

TITOLO: Melmoth l’Errante utet_-_melmoth_l_errante

AUTORE: Charle Robert Maturin

TRADUTTORE: Flavio Santi

EDITORE: UTET Libreria

PAGINE: 791

COSTO: 20,00€

 

 

 

 

 

 

 

 

Il libro contiene due racconti. Il primo di Maturin è la storia di un umo, Melmoth, che ha fatto un patto col diavolo: in cambio dell’anima ottiene il prolungamento della vita. E se riuscirà a trovare chi condivida la sua sorte eviterà la dannazione. Il patto risale al XVII secolo e in una serie di episodi, generazione per generazione, Melmoth ottiene solo rifiuti: anche il prigioniero di un manicomio, anche una vittima dell’Inquisizione, nessuno accetta il suo patto. Altro filo conduttore è rappresentato dai suoi amori con la giovanissima Isadora (la sposerà per mezzo di uno spettro e ne ucciderà in duello il fratello…). La ricchezza di scene di terrore e di raccapriccio ha contribuito a farlo diventare un autentico bestselter internazionale. Dimostrazione ne è il secondo racconto contenuto nel volume scritto da Nonoré de Balzac: “Melmoth riconciliato”, che costituisce quello che in termini cinematografici è un “sequel”. Nella classica ambientazione del mondo finanziario parigino (la Casa Nucingen), un cassiere disonesto che sta per fare un grosso ultimo colpo per poi fuggire, viene sorpreso dall’arrivo di un inquietante personaggio: John Melmoth che gli propone l’ormai consueto patto. Il cassiere accetta ma dopo una breve ebbrezza si accorge di aver fatto un pessimo affare e torna a cercare Melmoth ma scopre che, riconquistata l’anima, è morto santamente riconciliato con Dio. Non gli resta quindi che cercare una nuova vittima: la troverà nel banchiere Claperon, minacciato dal fallimento.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...