Presagio Triste – Banana Yoshimoto

Nell’istante in cui Tetsuo uscì dalla mia stanza, chiudendo la porta con un bang, come una reazione chimica l’ansia cominciò a sorgere dentro di me. Avrei voluto alzarmi, seguirlo, andare nella sua stanza a parlargli.

Ma non lo feci.

Restai seduta, e tornai a guardare il cielo notturno.

Poi, la sera del giorno dopo, sotto la pioggia, misi in atto il mio progetto di fuga.

pag. 45

Io mi sedetti sul mio borsone, e alzai lo sguardo vero il buio e le ombre degli alberi che mi sovrastavano, incombenti. Attraverso le loro fessure guardavo la luna e le stelle che brillavano di una luce stranamente fredda e limpida e il bianco chiarore delle nuvole che le attraversavano. Aspiravo il fresco profumo dei boschi. Da molto prima che le gite in montagna diventassero di moda, amavo quel profumo e quel paesaggio. Sembrava che tutti i rami degli alberi mi guardassero dall’alto, e perfino in quella notte così buia mi sentii felice. Mi dava una sensazione piacevole il fatto che nonostante io fossi ormai grande, gli alberi fossero ancora alti come li vedevo quando ero bambina.

pag. 71

TITOLO: Presagio Triste9788807840227_quarta.jpg.448x698_q100_upscale

AUTORE: Banana Yoshimoto

TRADUTTORE: Giorgio Amitrano

EDITORE: Feltrinelli

PAGINE: 128

COSTO: 7,50 €

Cosa turba la serenità di Yayoi, diciannove anni, la vita apparentemente idilliaca della sua “famiglia felice della classe media che sembra uscita da un film di Spielberg”, dove il giardino è ben curato, gli abiti perfettamente stirati, i fiori sempre freschi sul tavolo e i genitori comprensivi e sorridenti? Forse a minacciare l’equilibrio di Yayoi è una sensibilità paranormale che le fa percepire presenze invisibili, e che contrasta con l’incapacità a ricordare gli anni dell’infanzia, stranamente cancellati dalla sua memoria. O forse il pericolo è il suo trasporto per Tetsuo che tende a superare i limiti dell’affetto fraterno. Un presagio triste s’insinua nell’armonia della vita di Yayoi. La soluzione ai suoi dubbi potrebbe nascondersi in una casa molto diversa dalla sua, buia, dove il giardino è in perenne disordine e nessuno risponde quando squilla il telefono. In questa casa vive la zia di Yayoi, una donna sola sui trent’anni, insegnante di musica, bella ma trascurata e avvolta da un’ombra di malinconia. Yayoi intuisce che la zia è depositaria di un segreto, forse la chiave per illuminare i misteri della propria infanzia, e per chiarire i contraddittori sentimenti nei confronti del fratello. Ma la zia fugge senza lasciare tracce, e Yayoi parte alla sua ricerca. La scoperta della verità porterà sorpresa, trauma, dolore e infine liberazione. Un romanzo “giovanile” di Banana, pubblicato in Giappone a pochi mesi di distanza da Kitchen, in cui la scrittrice si interroga sui temi che predilige, solitudine e morte, memoria e percezioni paranormali, con la sua sottile sensibilità e il suo inimitabile tocco di freschezza e poesia.

Annunci

14 pensieri su “Presagio Triste – Banana Yoshimoto

      1. IL COPERCHIO DEL MARE, infatti, mi ha conquistata ❤
        Poi, però, è arrivato il CORPO SA TUTTO e ho cambiato idea…
        Ma sto iniziando a credere che siano proprio i racconti brevi che non mi affascinano

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...