Libri da Ardere – Amélie Nothomb

IL PROFESSORE: Ma sentite che roba!

MARINA: No, non lo sente nessuno! Se sentissero, se sentissero quanto è spaventoso, sarebbero già venuti a riscaldarmi! Se lei avesse la minima idea di quello che sto sopportando, brucerebbe immediatamente tutti i suoi libri! E’ solo perché lei non lo sa, perché non lo sa nessuno – nessuno, nessuno lascerebbe soffrire qualcuno come soffro io!

IL PROFESSORE: Pensa di essere l’unica?

MARINA: Non lo so e non me ne importa. Io sono all’inferno! Sono all’inferno! Sono all’inferno! Sono all’inferno! Sono all’inferno!

IL PROFESSORE: Vuole smetterla, razza di piccola furia?

MARINA: Perché dovrei smettere? Tanto nessuno mi sente.

IL PROFESSORE: Proprio perché non la sente nessuno.

MARINA: Allora non dà fastidio a nessuno.

IL PROFESSORE: Dà fastidio a me.

pag. 41

TITOLO: Libri da Ardere les-combustibles

AUTORE: Amélie Nothomb

TRADUTTORE: Alessandro Grilli

EDITORE: Robin Edizioni

PAGINE: 72

COSTO: 10.000 lire (pensa te!)

C’è la guerra ed è inverno. Due uomini e una donna sono asserragliati in un appartamento. Quanti giorni resteranno loro da vivere? Ma intanto non è proibito rivelare le proprie vere passioni. L’amore, il desiderio, l’intelligenza, resisteranno al freddo? Si ha il diritto di consumare le ultime energie per leggere della cattiva letteratura? Al momento della scelta suprema, quale libro è troppo importante per non diventare un libro da ardere?

Annunci