Arrivano i Pagliacci – Chiara Gamberale

Lei c’è.

Ci fu subito per il giovane Torr, quando, bambina qual era, non ci pensò nemmeno un istante a spedire un telgramma in Texas ai suoi per avvertirli che aveva rinunciato per sempre alla sua carriera di modella pubblicitaria e si era innamorata, voleva fare la rivoluzione.

Ci fu subito per quelli della rivoluzione, che rimaneva ad ascoltare ore e ore e incitava con una cioccolata calda o una carezza di quelle che hanno il coraggio di fermarsi sulla guancia per confermarsi.

Ci fu per Adriana, vicino al cui letto non scoppiò mai in singhiozzi ma al massimo in sospiri che in un istanti inghiottiva in sorrisi.

Nei quadri di Matilde, nei capricci di Zuellen che non voleva tornare in convento la domenica mattina, nel cerchietto rosso con i capillari sotti che si formava a Giù quando per ridere gli attaccavo in fronte i pupazzetti a ventosa, nei miei giorni no, in quelli sì, in quelli quasi.

La cucina, il terrazzino oggi senza odore ma ieri scoppiettante di prezzemolo e ciuffi di basilico e Raffa e Lady D. e le altre specie non mi ricordo come le aveva chiamate, il salotto, i fermalibri dipinti a mano nello studio, tutto quanto respira ancora e respirerà sempre di lei.

pag. 70

 […] e al luna park dove siccome era lunedì era quasi tutto chiuso, ma a noi anche fare per cinque volte il giro sulla ruota panoramica ci sembrò bellissimo, triste come certi funerali, ma bellissimo, come certi funerali, appunto.

pag. 101

Questa cosa delle piante mi ha condizionato dalla nascita. Guardi che mica è facile crescere con due invasati che se tu frigni perché hai il pannolino che straborda ti fanno shhhh perché il cactus non sopporta gli acuti.

pag. 148

Non c’è quasi niente, tutto sommato, che si debba a tutti i costi capire.

A volte, nella vita, succedono certe cose.

pag. 170

[…] da lì a un anno al massimo sarò sul palco dello Shrine Auditorium e alzando l’Oscar verso l’alto non mi metterò a urlare vattene! ma commossa guarderò negli occhi mio padre, seduto all’ultima fila perché lui è fatto così, e dirò dedico questo giorno a tutti quelli che non si tradiscono e ogni tanto si ricominciano.

pag. 209

TITOLO: Arrivano i Pagliacci 300_9859862

AUTRICE: Chiara Gamberale

EDITORE: ROMANZO BOMPANI

PAGINE: 210

PREZZO: 13,50 euro

TRAMA:

Allegra Lunare, una ventenne che ama Dirty Dancing e odia Proust, che ha dato il suo primo bacio a tredici anni e ha fatto l’amore la prima volta a sedici, sta per lasciare per sempre la casa dei genitori, per andare incontro a un nuovo destino. Prima di traslocare, scrive una lunga lettera ai futuri inquilini per spiegare il significato degli oggetti che hanno assistito a tutta la sua vita. Ma ogni angolo della casa, ogni mobile ogni fotografia racconta anche le persone e le tappe dell’esistenza di Allegra e della sua famiglia: l’incontro nel 1977 tra il padre, studente rivoluzionario, e la madre, fotomodella americana; la nascita del fratello Giuliano, affetto dalla sindrome di Dawn; le amiche omosessuali Adriana e Matilde; la psicologa Veronica, Leonardo, affascinante e disadattato viaggiatore alla ricerca del cuore del mondo; e soprattutto Zuellen, ragazzina difficile la cui innocente stramberia rivela un’insolita autenticità di vita.

La fantastica realtà di Allegra si dipana lentamente sotto i nostri occhi, in un’atmosfera trasognata e surreale che filtra gli eventi di tutti i giorni rendendoli indimenticabili, fino all’epilogo drammatico, da cui però la protagonista saprà trarre l’ultima decisione che ricomporrà come per miracolo le tessere di questo bizzarro, affascinante e irresistibile mosaico di storie, gesti e voci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...