– Dislessia tra le Righe –

Incontro alla Biblioteca Lazzarini del 7 Aprile 2013  al quale hanno partecipato Morena Cauduro e Loredana Frescura le quali hanno presentato rispettivamente “Il mago delle formiche giganti” e “Ti volio tanto bene“. Entrambi i libri parlando di dislessia e di come affrontarla e sono diretti a bambini e genitori, ed entrambi i libri sono completi di CD audio.

51Se-XnnHSL._SS400_

TITOLO: “Il Mago delle Formiche Giganti. La dislessia a scuola: tutti uguali tutti diversi

AUTORI: A cura dell’Associazione Italiana Dislessia

DISEGNI: Fiorella Cauduro, Morena Cauduro e Galileo Disperati

EDITORE: Libri Liberi Ed

PAGINE: 64+modulo didattico+CD

PREZZO: 12 euro

Intervento di Morena Cauduro all’incontro:

L’AID (composta e creata soprattutto da genitori che hanno figli con DSA) decise, al momento della sua  nascita, di seguire ed organizzare convegni per individuare percorsi alternativi per i ragazzi che vivono questa situazione. La cosa fondamentale era il rendere consapevole il bambino/ragazzo, doveva conoscere se stesso e i suoi “problemi”. I bambini con DSA subiscono una specie di “tonfo” all’arrivo a scuola, rispetto agli altri in loro avviene una sorta di crisi di identità. Loro sanno chi sono, si conoscono, ma la società esterna si crea di loro un’immagine completamente diversa. I genitori che fanno parte dell’AID hanno deciso di mettere insieme le loro competenze per realizzare questo libro interamente dedicato ai bambini del I° ciclo della Scuola Primaria. Questo per aiutare sia loro che gli altri (genitori, compagni, insegnanti ecc) a capire questa situazione.

IL LIBRO: Il primo libro sulla dislessia scritto appositamente per i bambini, da far leggere (o ascoltare) in classe o a casa. Una storia semplice e divertente; in appendice una serie di giochi e di schede operative per capire e affrontare il disturbo.

(descrizione presa da l sito Macrolibrarsi.it)

Un gruppo di bambini con caratteristiche diverse incontrano un mago che, con un incantesimo, fa in modo che i bambini si scambino le loro peculiarità. Questo farà capire ai protagonisti cosa vuol dire “essere nelle scarpe degli altri” e gli aiuterà nel corso della storia.

WorkImageHandlerTITOLO: “Ti volio tanto bene. Diario vocale di Marvi dislessica innamorata.

AUTORI: Loredana Frescura e Marco Tomatis

DISEGNI: Cinzia Ghigliano

EDITORE: Loescher

PAGINE: 256

PREZZO: 12 euro

Intervento di Loredana Frascura all’incontro:

La scrittrice ha preso spunto, per il personaggio di Maria Vittoria (detta Marvi) dall’esperienza avuta con una sua allieva. Questa bambina un giorno le si avvicinò e le disse “Maestra ho capito una cosa, tutte le cose che tu fai a sinistra io le vedo a destra, e tutte quelle che tu fai a destra io le vedo a sinistra”. La Frescura ha voluto creare un personaggio positivo proprio come era la sua alunna.

Attraversi tutti i corsi e i percorsi per conoscere la Dislessia, oggi si è quasi arrivati al punto di poter affermare che è possibile prenderla in giro. Maria Vittoria vive “bene” la sua condizione, anche se all’inizio non si riconosceva più nella bambina “prima della scuola”. Con l’aiuto della famiglia e con la ricerca dell’aiuto, sia lei che l’alunna della Frescura sono riuscita ad affrontare questa “cosa” che la scrittrice, attraverso Marvi, descrive benissimo:

Sono dislessica. Vabbè, non è come il mal di pancia. Non è una malattia. Non ti fa venire i dolori, solo ti confonde un po’. Se penso a qualche anno fa… direi che “confusa” lo era un po’ tanto. Confusa e impaurita.

IL LIBRO: Maria Vittoria detta Marvi, è una ragazzina come tante. È speciale, forse, perché dislessica, ma forse, di più, perché guarda e vive la vita di ogni giorno cercando di diventare consapevole di ciò che fa, di ciò che vorrebbe fare e di ciò che è. E si innamora. Michele è il principe azzurro. Anzi il principe quasi azzurro, perché per diventare di un azzurro lucente, deve guadagnare molti punti. Marvi detesta i cellulari e anche un po’ i computer, perché prevedono la scrittura veloce e lei non è così brava. Per molto tempo si è sentita confusa e impaurita, soprattutto dalla lettura, fino a quando, con l’aiuto di Gustavo, è riuscita a dare un nome al suo disagio: dislessia. Michele gioca a calcio e nei sogni più arditi sogna di far innamorare Clotilde. Magari di segnare un goal per lei; finché si accorge di Maria Vittoria e del suo mondo e decide di volerlo conoscere.

Sarà Michele il principe azzurro di Marvi? Riuscirà a guadagnare 900 punti?

(trama presa dal sito della Loescher)

Annunci

Un pensiero su “– Dislessia tra le Righe –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...