Passavo di qua e quindi… buona Pasqua in ritardo!

Data 29/03/2012

Salve.

Era da un po’ che non scrivevo un vero e proprio post. Mi dispiace per l’assenza, ma proprio non riuscivo a scrivere. Anche adesso mi è difficile. Non so proprio che mi sia preso, spesso però cado in una specie di apatia che impedisce al mio cervello di lavorare per più di dieci minuti per volta.

Oggi

Ahahahahah! Visto? Non riesco nemmeno a scrivere un post decente. Povera me, si vede che non avevo voglia di raccontare. Non che sia successo niente di che in queste settimane. Solo che, come dire, mi sono lasciata prendere da un apatia tale che mi è stato difficile uscirne. Adesso sono le 21.40 del lunedì di Pasqua e sì, mi sono decisa a riprendere a diGGGGitare perché mi sembrava una crudeltà tacere ancora. Ditemi mie caVi, avete mangiato l’uovo di Pasqua? Avete festeggiato la giornata degli zombie? Vi siete riempiti fino alle orecchie (e oltre) di cibo tanto da dire “da domani dieta!” (promessa mai mantenuta) ? Bene! Perché da domani si riparte e non sarà uno scherzo. Che tristezza, io non vorrei tornare sui libri ma dovrò farlo, è il mio lavoro e devo/voglio farlo bene. Ché poi, mi sto pure cercando un lavoro vero, cioè retribuito. Anche se mia nonna dice “Bà, se ti pagano!” come per dire “Potresti anche lavorare gratis”. La mia risposta potrà sembrare ingenua, ma io non lavoro per carità cristiana quindi io pretendo il mio salario per il lavoro che svolgo. Se non mi pagano me ne cerco un’altro, tanto che ho da perdere, se non mi pagano? Ad ogni modo, pare che di lavoro se ne trovi, la cosa mi stupisce. Non eravamo quelli che si lamentavano che “non c’è lavoro”? Certo che, se per lavoro si intende “Poca fatica, culo sulla sedia, calduccio e vicino a casa” allora la cosa diventa un po’ complicata. Conosco persone che “Sì lo cerco ma non lo trovo, sai io non vorrei allontanarmi tanto. Così a pranzo torno a casa (da mamma) e bla bla bla”. Così siam bravi tutti e rimaner disoccupati. Neanche a me piacerebbe fare lavori faticosi, fuori porta ecc, ma se hai veramente bisogno di soldi (anche pochi, considerato che la maggior parte dei ragazzi che conosco, come me, vivono con le famiglie) lo prendi e amen, è pur sempre un lavoro e intanto fai un po’ di pratica, se poi ti capita l’occasione migliore allora la prendi e via verso l’autostrada della felicità. Mi sento molto moralista e bacchettona a dire questo, ma è il mio pensiero e amen.

Non so bene che altro scrivere. Non ho veramente altro da dire per il momento, solo che domani vado a farmi i capelli (wwweeehhhh) così prenderanno una vera forma, adesso sembrano li per caso! Buona notte a tutti, baci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...